Si inaugura a Verbania la Camera di Conciliazione promossa da Italia Mediazione

imagescaqub5us.jpg

Venerdì 20 aprile alle ore 19 presso l'Hotel "Il Chiostro" in via Fratelli Cervi 14 , si inaugura a Verbania la Camera di Conciliazione promossa da Italia Mediazione, l'organismo di mediazione  riconosciuto e vigilato dal Ministero di Grazia e Giustizia che si sta  contraddistinguendo per la capillarità di aperture in tutto il Paese.

La sede scelta da Italia Mediazione a Verbania è in Via Baiettini n. 79 presso C.B.L.Consulting S.r.l. e l'inaugurazione aperta alla cittadinanza sarà occasione di un confronto pubblico sull'attualità e l'applicazione della rivoluzionaria procedura di giustizia civile.

A un anno esatto dall'entrata in vigore del decreto legislativo 4 marzo 2010 n°28 che ha introdotto in Italia il tentativo obbligatorio di risolvere una controversia giudiziaria ricorrendo alla fattispecie normativa della media-conciliazione, comportando una vera rivoluzione nella giustizia civile, non è solo tempo di bilanci: infatti il 21 febbraio 2011 in applicazione del decreto è partita "obbligatoriamente" la conciliazione per una "prima parte" di materie, 11 sulle 13 materie previste: - 1) diritti reali; 2) divisione; 3) successione ereditarie; 4) patti di famiglia; 5) locazione; 6) comodato; 7) affitto di aziende; 8) risarcimento danni derivanti da responsabilità medica o da stampa o da altro mezzo di pubblicità; 9) contratti assicurativi; 10) contratti bancari; 11) contratti finanziari.

Dal 20 marzo 2012 la conciliazione è diventata obbligatoria anche per le restanti due materie oggetto del suindicato decreto: 12) condominio; 13) risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli e natanti.

Una vera e propria rivoluzione che, nonostante il disappunto di tanta avvocatura perplessa sull'obbligatorietà dello strumento, ha prodotto una forte accelerazione nei tempi di risoluzione della lite, trattata entro il termine di 120 giorni, conferendo alla giustizia civile una competitività sconosciuta se si pensa agli anni necessari per adire un Tribunale.

Sono nate così nuove figure professionali; si calcola oltre 40.000 mediatori formati e iscritti nell'albo, distribuiti su 797 organismi di conciliazione tutti vigilati dal Ministero della Giustizia.