Per non dimenticare: "MOMENTI di VITA" di Francesco Ronco

alberti generale.jpg

Mentre si profila il centenario della prima guerra mondiale la storia rende nuove testimonianze come quelle appena pubblicate dalle Edizioni Helicon di Arezzo e intitolate "Momenti di vita"

Questo diario intimo è opera del generale di c.a. Francesco Ronco che reduce come tenente da una lunga prigionia in Germania riscopre nella bellezza della sua Liguria la tavolozza di limpide riflessioni sulla vita e il profilo eterno delle cose. La scrittrice ligure Maria Luisa Ronco Valenti, figlia dell’autore, ha ritrovato questo memoriale del padre e lo ha proposto al pubblico per sottrarlo all’oblio e consegnarlo alle future generazioni.
Nelle pagine di Ronco si percepisce una palpitante sensibilità e una profonda pietas rivolta all’umanità intera dopo aver visto e vissuto in prima persona le atroci prove della guerra e della prigionia in Germania, prigionia terminata molto dopo la fine del conflitto visto che la Commissione Interalleata di Berlino lo incaricò di provvedere alla ricerca e al rimpatrio dei prigionieri di guerra italiani sparsi nelle prigioni di Sassonia e non solo. Ronco rientrò in Italia nel 1919 con il convoglio dei prigionieri raccolti e scontò un lungo periodo di malattia.
E’ doveroso ricordare che durante a seconda guerra mondiale il colonnello Ronco salvò da distruzione certa, con iniziative personali, due città: Solarino ( SR ) e Chieti che gli conferirono la medaglia d’oro e la cittadinanza onoraria.
Divenne in seguito fondatore e comandante del CAR di Cuneo, Capo di Stato Maggiore del Comiliter di Genova e poi di quello di Bologna. Promosso generale di Divisione gli fu affidato il comando della Divisione Motorizzata " Trieste ". E’ stato nominato generale di Corpo d’Armata il 3 dicembre 1954. Si è spento nella sua casa di Toirano (SV) il 9 novembre 1978. Il giornalista/producer della Televisione Europea Euronews Paolo Alberto Valenti, nipote del generale Ronco lascia nel volume una lettera al nonno in ricordo anche della sua recente missione come ufficiale superiore della Riserva dell’Esercito Italiano in Afghanistan nel quadro delle operazioni ISAF.



 
Francesco Ronco (Balestrino, Genova 1894) fu assegnato, il 29 aprile del 1915, quale tenente di prima nomina, al 42° Reggimento di Fanteria e inviato al fronte in prima linea sul quale combatté fino al 30 ottobre 1917 quando fu fatto prigioniero e inviato nella fortezza di Rastatt in Sassonia. Alla fine del conflitto fu incaricato dalla Commissione Interalleata di Berlino di provvedere alla ricerca e al rimpatrio dei prigionieri di guerra italiani e rientrò in Italia nel 1919 con il convoglio dei prigionieri raccolti. Al rientro presso il suo reparto a Lodi fu collocato in aspettativa per gravi motivi di salute; trascorse questo periodo nella casa paterna di Balestrino(SV), allora provincia di Genova , dove scrisse questo diario preparando anche la tesi di Laurea che conseguì presso l’Università Cattolica di Milano a cui si era iscritto prima della partenza per il fronte (si laureò il lettere con indirizzo storico- geografico nella prima sessione universitaria del dopoguerra).
Richiamato in servizio il 29 luglio 1924, per la sua profonda preparazione storica e letteraria fu prima allievo e poi insegnante di logistica e storia all’Istituto Superiore di Guerra di Torino e, allo scoppio della seconda guerra mondiale, fu destinato in zona operativa prima sul fronte greco – albanese e poi in Sicilia come comandante del 75° Reggimento di Fanteria della Divisione "Napoli " che si distinse, durante lo sbarco alleato, per atti di eroismo nell’impari lotta e che valse al suo comandante la promozione a generale per meriti di guerra. Sfuggito alla cattura, si presentò, dopo aver salvato la bandiera del Reggimento (tuttora conservata al Vittoriano, Roma), al Comando del ricostituendo esercito del governo Badoglio e fu incaricato alla raccolta dei militari sbandati e poi destinato al comando del disciolto 184° Reggimento Paracadusti che divenne , sotto il suo comando, il valoroso Reggimento Paracadusti " Nembo" della Divisione " Folgore " la cui partecipazione alla Guerra di Liberazione diventò leggendaria (cfr. "Storia d’Italia" di Indro Montanelli) e le cui azioni furono oggetto di encomio solenne da parte dei comandanti dell’esercito alleato tra cui il generale Alexander.